Questo sito rilascia cookies tecnici per consentirne il funzionamento, oltre a cookies, anche di terza parte, di 'analytics' per fare statistiche sul traffico ed attivare il miglioramento. Cliccando su "Conferma Scelte", acconsenti all’uso dei cookies qui sotto proposti o da te selezionati. Cliccando su "Accetta tutti i cookies" li abiliti tutti. Per saperne di più

INAUGURAZIONE “Museo Virtuale” Vittime delle Mafie.

Il 25 marzo, nei locali dell’Istituto, si è inaugurato il “museo virtuale” sulle vittime della mafia
 
Quest’anno gli alunni, in vista della celebrazione della “Giornata della memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie” e della “Giornata nazionale della legalità”, hanno deciso di onorare le vittime innocenti delle mafie, trasformando la scuola in un memoriale perenne.
 
In particolare, dopo aver approfondito la conoscenza di alcune delle tante vittime innocenti della Campania, gli alunni hanno redatto un breve articolo di giornale, tradotto anche in spagnolo, e registrato, con la propria voce, la breve presentazione dell’innocente.  Il tutto è confluito in un “qr code” che è stato apposto in calce alla “targa” -realizzata con fogli di carta plastificata- e affissa lungo i muri della scuola.
 
L’inaugurazione si è svolta alla presenza della consigliera del Comune di Napoli Alessandra Clemente; del consigliere della III Municipalità Ciro Guida, del cancelliere e viceconsole Juan Lucas Garcia Escobar, del magistrato Giustino Gatti che ha si è occupato di importanti processi di camorra, del prof. Alessandro Petrosino fratello di Ennio vittima innocente della camorra, e del giornalista del “Roma” Pasquale Di Sauro.
 
Il momento di confronto con gli “ospiti” ha suscitato in noi tutti una forte emozione. Molto toccanti le testimonianze dei familiari delle vittime che ha aiutato gli alunni ad elaborare un’idea di Memoria che va oltre il rischio della retorica.
 
Il messaggio trasmesso da tutti i partecipanti all’incontro è però pieno di speranza: coltivando ed amando la legalità, costruendo ogni giorno la propria vita adempiendo ai propri doveri, impegnandosi nel sociale e mai tacendo si contrastano i fenomeni criminali.
 
Perché, come diceva Giovanni Falcone, la mafia “non è affatto invincibile, è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine”. 
 
 
 
Un piccolo video dei momenti più significativi

https://www.youtube.com/watch?v=gVID7dRnzrQ